GOOGLE CORE WEB VITALS NEL 2021 SARANNO I NUOVI FATTORI DI RANKING

Google annuncia un imminente cambiamento negli algoritmi di ricerca: incorporerà i Core Web Vitals come fattore di ranking.

GOOGLE CORE WEB VITALS

Google sta introducendo un nuovo segnale di ranking, che combina i Core Web Vitals con i segnali di user experience esistenti, per migliorare il modo in cui valuta l’esperienza complessiva fornita da una pagina.

Questo nuovo segnale di ranking è nelle prime fasi di sviluppo e il suo lancio è previsto per quest’anno.

Per aiutare i proprietari del sito a prepararsi, Google ha fornito un primo sguardo al lavoro svolto finora.

Il nuovo fattore”Page Experience”

Il prossimo segnale di classifica sarà conosciuto come il segnale di esperienza della pagina.

Il segnale di esperienza della pagina è costituito dai Core Web Vitals, così come queste metriche di esperienza della pagina esistenti:

GOOGLE CORE WEB VITALS
  • Mobile-friendly
  • Navigazione sicura
  • HTTPS
  • Assenza di pop-up molesti (Intrusive interstitial guidelines)

“Il fattore dell’esperienza utente nella pagina, misura gli aspetti di come i lettori percepiscono l’esperienza di interazione con una data pagina web. L’ottimizzazione per questi fattori rende il web più piacevole per gli utenti su tutti i browser e i dispositivi e aiuta i siti ad evolvere verso le aspettative degli utenti in mobilità”.

Core Web Vitals

Core Web Vitals, introdotti all’inizio di questo mese, sono un insieme di metriche relative a velocità, reattività e stabilità visiva.

Google li ha definiti come Core Web Vitals:

Google Web Vitals Largest Contentful Paint (LCP)

Largest Contentful Paint (LCP): Il tempo necessario per caricare il contenuto principale di una pagina. Una misura LCP ideale è di 2,5 secondi o più veloce.


Google Web Vitals First Input Delay (FID)

First Input Delay (FID): Il tempo necessario perché una pagina diventi interattiva. Una misura ideale è inferiore a 100 ms.


Google Web Vitals Cumulative Layout Shift (CLS)

Cumulative Layout Shift (CLS): La quantità di scostamento inaspettato del layout dal contenuto atteso nella pagina visualizzata Una misura ideale è inferiore a 0,1.

Questo insieme di metriche è stato progettato per aiutare i proprietari del sito a misurare l’esperienza dell’utente quando si tratta di carico, interattività e stabilità visiva.

Come ha scritto Google:

“I Core Web Vitals sono un insieme di metriche reali, centrate sull’utente, che quantificano gli aspetti chiave dell’esperienza dell’utente. Misurano le dimensioni dell’usabilità del web, come il tempo di caricamento, l’interattività e la stabilità dei contenuti durante il caricamento (in modo da non toccare accidentalmente quel pulsante quando si sposta sotto il dito – che fastidio!”

I Core Web Vitals non sono incastonati nella pietra – il che significa che possono cambiare di anno in anno a seconda di ciò che gli utenti si aspettano da una buona esperienza su una pagina web.

Per ora, i Core Web Vitals sono quelli elencati sopra. Google aggiornerà certamente il pubblico se e quando queste metriche cambieranno.

Per maggiori dettagli sui Core Web Vitals, si veda il nostro rapporto completo di quando sono stati introdotti per la prima volta.

Come misurare i principali parametri vitali del web

Google mira a facilitare l’accesso e la misurazione dei Core Web Vitals da parte di tutti i proprietari di siti.

Rapporto Chrome UX

I proprietari del sito possono utilizzare il Chrome UX Report per valutare rapidamente le prestazioni di tutti i segnali.

Citando Google: “ Attualmente il Chrome User Experience Report di Chrome è focalizzato sul caricamento delle prestazioni. Con il tempo, speriamo di aggiungere più metriche e dimensioni, sia per fornire una maggiore comprensione del caricamento che di altri fattori critici che influenzano maggiormente l’esperienza dell’utente.”

Google sta lavorando su una nuova modalità di accesso e verifica di questi dati, ovvero un’API REST che renderà facile l’accesso ai dati sia a livello di URL che di origine.Si attendono magigori notizie in futuro.

Per saperne di più sulle metriche prese in considerazione da google per la user experience, rimando al seguente articolo.

Page Experience Signal & Ranking

Aggiungendo i Core Web Vitals come fattori di ranking, e combinandoli con altri segnali di esperienza dell’utente, Google mira ad aiutare un maggior numero di proprietari di siti a costruire pagine che gli utenti si divertono a visitare.

Se Google determina che una pagina fornisce un’esperienza utente di alta qualità, in base al suo segnale di esperienza di pagina, allora probabilmente classificherà la pagina più in alto nei risultati di ricerca.

Tuttavia, la rilevanza dei contenuti è ancora notevolmente importante quando si tratta di classifiche. Una pagina con un contenuto altamente rilevante per una ricerca potrebbe probabilmente ottenere un buon posizionamento anche se il segnale di Page Experience è scarso.

È vero anche il contrario, come afferma Google:

“Una buona esperienza di pagina non prevale sull’avere grandi contenuti rilevanti. Tuttavia, nei casi in cui ci sono più pagine che hanno contenuti simili, la page experience diventa molto più importante per la visibilità nella ricerca”.

Come dice Google, un segnale di esperienza di pagina è una sorta di tie-break-break. Ciò significa che se ci sono due pagine che forniscono entrambe un contenuto eccellente, quella con il segnale di page experience più forte si posizionerà più in alto nei risultati di ricerca.

Quindi, non siate così ossessionati dall’ottimizzazione della page experience che il contenuto effettivo della pagina inizia a risentirne. I grandi contenuti possono, in teoria, essere superiori a una grande esperienza di pagina.

Come valutare la Page Experience?

Al momento non esiste ancora uno strumento specifico per valutare l’esperienza della pagina nel suo complesso.

Anche se è possibile misurare i singoli componenti che vanno a creare il segnale dell’esperienza della pagina.

Misurazione dei parametri fondamentali del web

Quando si tratta di misurare i Core Web Vitals, i SEO e i proprietari di siti possono utilizzare una varietà di strumenti propri di Google, come ad esempio:

Presto sarà disponibile anche un plugin per il browser Chrome per valutare rapidamente i Core Web Vitals di qualsiasi pagina. Google sta anche lavorando con terze parti per portare i Core Web Vitals ad altri strumenti.

Misurazione di altri segnali di esperienza dell’utente

Ecco come i SEO e i proprietari di siti possono misurare l’altro tipo di segnali di user experience:

  • Mobile-friendly: Utilizza il test di Google per la navigazione in mobilità.
  • Navigazione sicura: Controlla il rapporto sui problemi di sicurezza nella console di ricerca per qualsiasi problema con la navigazione sicura.
  • HTTPS: Se una pagina viene servita su una connessione HTTPS sicura, nella barra degli indirizzi del browser viene visualizzata l’icona di un lucchetto.
  • No pop-up molesti(Intrusive interstitial guidelines): Questo è un po’ più complicato. Tradotto in italiano gli interstiziali invadenti sono essenzialmente annunci popup che appaiono sullo schermo. Tendono a bloccare la maggior parte o tutta una pagina, portando a una cattiva esperienza utente sia per gli utenti desktop che per quelli mobili. Quindi nessuna paura per i propri popup di iscrizione a newsletter o per il consenso GDPR, basta solo non esagerare con le dimensioni.

Quando avverranno questi cambiamenti? Quando i Web Core vitals entreranno in funzione?

Non c’è bisogno di agire immediatamente, dice Google, perché questi cambiamenti non avverranno prima del prossimo anno. Google fornirà un preavviso di almeno 6 mesi prima della loro introduzione.

L’azienda sta semplicemente avvisando i proprietari del sito nel tentativo di tenere le persone informate sui cambiamenti di classifica il più presto possibile.

Sorgente: Google

Forse ora è tempo di prepararsi e aggiornare i tuoi funnel, preparandoti in tempo per l’evoluzione del web nel 2021, consulta questa guida per migliorarli.


RIGUARDO L'AUTORE

Poliedrico, appassionato di digital marketing, letteratura e data science. Mi ritrovo in costante lotta fra questi estremi. Per fortuna i miei interessi non mi permettono di annoiarmi.
Sono guidato da un viscerale amore per il marketing e la comunicazione, ma lo studio dei dati rappresenta il giusto bilanciamento per ogni decisione strategica e analisi di mercato.